Buco nero nella colonna vertebrale

Una donna di 35 anni è stata ricoverata nel nostro centro con dolore lombare 12 mesi dopo il parto di una ragazza sana. Durante la nona settimana di gestazione, era stato diagnosticato un melanoma maligno all’inguine destro (Beslow 2.1 mm, Clark level IV, pT3a, Nx, Mx, indice mitotico ≥1/qmm). A causa della gravidanza del paziente, la stadiazione del tumore mediante tomografia computerizzata (CT) era impossibile; tuttavia, la risonanza magnetica ha mostrato risultati negativi. Il paziente non poteva sottoporsi ad immunoterapia adiuvante a causa della sua gravidanza. Sei mesi dopo la nascita del suo bambino, è stato rilevato un linfonodo gonfio nell’inguine destro, con metastasi istopatologiche comprovate di melanoma maligno (pN1 ), che è stata seguita da chemioterapia. Ancora una volta, 6 mesi dopo, in una TAC di follow-up, una lesione osteolitica nel terzo corpo vertebrale lombare ( Fig. 1) è stato rilevato. Il campione chirurgico ottenuto da una resezione in blocco del corpo vertebrale lombare ha mostrato una massa ossea di colore nero ( Fig. 2) corrispondente con l’osteolisi (Fig. 3), che è stata istologicamente provata metastasi del melanoma maligno ( Fig. 4).

Fig. 1 Dettaglio di una scansione di tomografia computerizzata sagittale della colonna lombare.
  • Visualizza grande immagine
  • Visualizzatore di figure
  • Scarica immagine ad alta risoluzione

Fig. 2 Vista macroscopica della terza vertebra lombare.
  • Visualizza grande immagine
  • Visualizzatore di figure
  • Scarica immagine ad alta risoluzione

Fig. 3 Osteolisi della terza vertebra lombare.
  • Visualizza grande immagine
  • Visualizzatore di figure
  • Scarica immagine ad alta risoluzione

Fig. 4 Vista microscopica della terza vertebra lombare con macchia blu di Prussia.
  • Visualizza grande immagine
  • Visualizzatore di figure
  • Scarica immagine ad alta risoluzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.