Come l’herpes ha rivelato il grilletto della tosse

Condividi questo articolo
  • Twitter
  • Email

Sei libero di condividere questo articolo con la licenza internazionale Attribution 4.0.

Università

Università del Queensland

Il virus dell’herpes ha portato i ricercatori a scoprire il tratto respiratorio collega due diverse parti del sistema nervoso. I risultati potrebbero migliorare i trattamenti per la tosse.

Guidato da Stuart Mazzone dell’Università del Queensland, il team ha fatto la scoperta dopo aver deciso di saperne di più sui trigger dietro la tosse eccessiva.

“Diverse sensazioni fisiche derivano dalle vie respiratorie superiori e inferiori nelle persone con malattie respiratorie”, afferma Mazzone, della Scuola di Scienze Biomediche.

” Le sensazioni irritanti del tratto respiratorio superiore sono un importante fattore di tosse eccessiva.

“L’ipersensibilità alla tosse è un sintomo debilitante di oltre 100 malattie respiratorie, ma i trattamenti che sopprimono la tosse generalmente non funzionano.”

Virus herpes incandescente

Il membro del team Alice McGovern afferma che il team di ricerca ha cooptato uno specifico ceppo di virus dell’herpes a causa della sua capacità di viaggiare attraverso il sistema nervoso.

“Il monitoraggio di questo virus ci ha permesso di comprendere i meccanismi alla base delle diverse sensazioni respiratorie”, afferma McGovern.

“Ha fornito informazioni dettagliate sui circuiti nervosi nella regione delle vie aeree superiori dove sorgono sensazioni di gola solleticate e irritate.

“Aggiungendo una proteina fluorescente al virus siamo stati in grado di tracciare il suo movimento dal sistema respiratorio ai centri cerebrali superiori che codificano le sensazioni.”

Quella sensazione di prurito

Usando questa nuova tecnologia, sviluppata da McGovern, i ricercatori hanno scoperto una differenza fondamentale tra i percorsi neurali sensoriali derivanti dalle vie aeree superiori e quelli dei polmoni, dove tali sensazioni sono più difficili da distinguere.

“In precedenza si presumeva che i sistemi nervosi dei due circuiti respiratori fossero identici”, afferma Mazzone.

“I tracciati virali fluorescenti mostrano che sono in realtà molto diversi.

“I tracciati hanno rivelato che la regione delle vie aeree superiori della gola aveva pesanti input di neuroni sensoriali in un ramo del sistema nervoso che consente di percepire sensazioni molto precise.

” Dall’area polmonare polmonare inferiore tuttavia, i neuroni sensoriali proiettano in un ramo diverso del sistema nervoso che controlla le emozioni e i sentimenti generali.

“Questo sembra spiegare la differenza tra sensazioni precise, come la sensazione di prurito alla gola che evoca la tosse, e le sensazioni più generalizzate avvertite nella regione polmonare inferiore durante la malattia respiratoria.”

Nuovi trattamenti?

Mazzone afferma che importanti implicazioni terapeutiche deriverebbero dalla nuova comprensione che c’erano due tipi di sistemi nervosi nel circuito respiratorio.

“Il trattamento per il sollievo dell’infiammazione delle vie aeree superiori che porta all’ipersensibilità alla tosse avrà bisogno di un approccio diverso per abbassare il disagio delle vie aeree perché i processi nei componenti neurali non sono gli stessi”, dice.

“Sappiamo dai nostri altri studi che specifiche regioni cerebrali sembrano essere attivate dall’eccessiva attività sensoriale dei neuroni delle vie aeree superiori.

“La prossima fase della nostra ricerca sarà quella di cercare di identificare nuove terapie per l’ipersensibilità alla tosse, che possono sopprimere i neuroni sensoriali stessi o combattere l’eccessiva attività cerebrale che producono.”

La ricerca appare nel Journal of Neuroscience.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.