Dizionario australiano di Biografia

I sindacati sono stati rafforzati durante un grande sciopero nel 1936. L’anno successivo Ponti e colleghi stretti istituirono l’Unione internazionale degli scaricatori di porto e dei magazzinieri, con Bridges come presidente. Man mano che il suo potere aumentava, i suoi nemici politici e industriali lanciavano ripetuti tentativi di deportarlo in Australia, di solito con la motivazione—che negava—che era un membro del Partito Comunista degli Stati Uniti. Le agenzie governative hanno portato accuse penali e cause civili contro di lui, il Congresso ha emanato leggi specificamente finalizzate alla sua deportazione, e ha fatto appello due volte con successo alla Corte Suprema. Anche se aveva iniziato il procedimento per diventare un cittadino degli Stati Uniti nel 1921 e nel 1928, non è stato fino al 1945 che ha completato il processo. Gli sforzi per spogliarlo della sua cittadinanza ed espellerlo continuarono fino al 1955.

Mentre si consolidava sulla costa occidentale, l’ILWU aveva iniziato a organizzare la forza lavoro multirazziale nelle Hawaii durante la seconda guerra mondiale. Questa iniziativa ha confermato la crescente reputazione dell’unione come paladina dei diritti civili e ha aggiunto l’élite imprenditoriale delle Hawaii ai fiorenti ranghi dei nemici di Bridges. Sposò Nancy Fenton Berdecio il 27 settembre 1946 in una cerimonia civile a San Francisco. Ha divorziato da lui nel 1955, sostenendo, ‘Lui è sposato con l’unione, non me’. Il 10 dicembre 1958 in una cerimonia civile a Reno, Nevada, sposò Noriko Sawada, un’attivista per i diritti civili di origine giapponese.

Nonostante la sua forte opposizione alla politica americana della Guerra Fredda, Bridges ha costruito la sua reputazione di leader laburista carismatico sulla sua abilità e risoluzione come organizzatore, stratega e negoziatore. Alla fine, i suoi avversari commerciali si resero conto che avevano a che fare con un capo sindacale molto efficace piuttosto che un cospiratore comunista. Nel 1960 i datori di lavoro e il sindacato hanno negoziato l’accordo di meccanizzazione e modernizzazione, che ha facilitato il cambiamento tecnologico sui moli, offrendo ai membri dell’ILWU una maggiore sicurezza occupazionale e un generoso piano pensionistico. Sebbene lo status leggendario di Bridges come leader che aveva trasformato gli scaricatori di porto da “wharf rats” a “lords of the docks” fosse stato stabilito, tra il 1960 e l’inizio del 1970 il suo potere e la sua influenza stavano diminuendo. I più giovani unionisti videro l’accordo M&M come un contratto di “vecchio” e i radicali tra loro iniziarono a mettere in discussione il suo record di diritti civili. L’azione industriale nel 1971 non ha portato a miglioramenti reali per i membri dell’ILWU.

Descritto come “magro e magro, con una testa lunga e stretta”, un “naso da falco” e “occhi acuti sotto i coperchi pesanti”, Bridges rimase in carica—alcuni dissero per troppo tempo—fino al 1977, dopo di che visse comodamente in pensione come anziano statista del movimento operaio americano. Morì il 30 marzo 1990 a San Francisco e fu cremato. Sua moglie gli sopravvisse, così come i figli del suo primo e terzo, e forse del secondo, matrimonio. Canzoni di Woody Guthrie e Pete Seeger, una piazza sul San Francisco docks e una sedia dotata presso l’Università di Washington lo commemorano. Gran parte di un crescente corpo di scrittura su di lui e l’ILWU è stato pubblicato su Internet da due fondazioni educative, l’Harry Bridges Institute e il progetto Harry Bridges finanziato dall’Unione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.