Servizi di consulenza per la crescita, Glendora, CA

Una componente importante della crescita umana sana sta imparando come andare avanti nella vita e nell’amore quando uno è stato ferito, ignorato, insultato, offeso, respinto, spettegolato, mentito, tradito, scaricato, criticato, tradito, abbandonato, umiliato o deriso. Questo può sembrare particolarmente doloroso quando queste azioni vengono consegnate da una persona che hai amato e di cui ti sei fidato.

Quando si verificano queste dolorose sfide della vita, è naturale sentirsi tristi e risentiti. Mentre la tristezza è facilmente comprensibile di fronte al tradimento, il risentimento è spesso frainteso. Eppure il risentimento è un sentimento importante da capire ed esplorare. Condivido spesso con i miei clienti di terapia che il risentimento irrisolto è spesso una bussola interna che ci indica qualcosa che ha bisogno di attenzione e guarigione nella nostra mente, corpo e spirito.

Quindi, qual è comunque il risentimento? In poche parole, il risentimento è una forma di rabbia. Pensa al risentimento come al tossico retrogusto della rabbia che si blocca nei nostri cuori e nelle nostre menti. Il risentimento è la voce fastidiosa nella nostra testa che ci spinge nelle costole come un visitatore sgradito che ci ricorda come “loro” ci feriscono. Questo potrebbe sembrare, ” Ero un amico meraviglioso per lei, come dare lei mi trattano in questo modo!”o” Gli ho dato tutto il mio cuore, ed era un idiota inutile, spero che ottenga ciò che gli sta arrivando!”Mentre i pensieri occasionali come questi non sono necessariamente dannosi, è la cura costante e la cura di questi pensieri nel tempo che è malsana.

In corso risentimento richiede lavoro e sforzo per mantenere in vita. Lo stesso processo di rimuginare sulle ingiustizie dolorose e rivivere quelle ingiustizie internamente giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, può diventare abituale. Dico spesso nelle mie sessioni di consulenza, ” Il tuo cervello sa solo ciò che il tuo cervello sa.”Se nutri il tuo cervello con una dieta quotidiana di negatività, o rivedi costantemente il tuo script interno che prova e riassume l’esperienza dolorosa più e più volte, il tuo cervello crederà a quello che gli dici. I cervelli sono divertenti in questo modo!

La rabbia è quella stimolante emozione umana che ci dice che qualcosa non sembra giusto, o i miei confini vengono superati e non mi piace questo. Mentre sperimentare la rabbia non è un’esperienza piacevole per la maggior parte di noi, sentire la rabbia non è il problema, è come scegliamo di relazionarci con il sentimento e come decidiamo di esprimere rabbia risentita che può essere problematica. Alcune persone spostano il loro risentimento arrabbiato sugli altri incolpando e vergognando, o gridando e infuriando. Altri possono usare pettegolezzi o sarcasmo. E altri ancora scelgono il silenzio come violenza . È raro che gli esseri umani abbiano buoni modelli su come elaborare la rabbia e il risentimento.

Tuttavia, il modo in cui scegliamo di esprimere il nostro risentimento e la nostra rabbia può creare guarigione nella nostra vita o compromettere la salute. Può essere confortante ricordare che, mentre non si può avere alcuna scelta o controllo sui comportamenti negativi, azioni e parole della persona che ti fa male, la buona notizia è che si ha una scelta con i vostri comportamenti, azioni e parole. Puoi fare qualcosa di diverso da quell’altra persona.

Ancora una volta, la rabbia non è il problema; è come scegliamo di esprimere la rabbia. E la rabbia non è la stessa di essere cattivo.

Vorrei che considerassi anche che aggrapparsi al risentimento è una forma di auto-abuso. È l’accensione dell’incendio boschivo, la gocciolatura esasperante sulla fronte, lo squittio irritante nella ruota. È la palla e la catena che ci sfregano la caviglia, i pensieri caldi e instabili che ci svegliano nel cuore della notte. E senza consapevolezza seguita da una pratica intenzionale di guarigione…

It. Mai. Andare. Lontano.

Invece, risentimento sarà molto felice di impostare lo spazio nel vostro spirito come un houseguest iper-vigile. Il risentimento è molto simile a quel fastidioso membro della famiglia che si presenta alla tua porta, borsa in mano, ricordandoti tutti i motivi per cui dovresti invitarlo e tenerlo in giro, per tutto il tempo a calci i piedi sul tavolino da caffè, mangiando l’ultimo biscotto, ridendo troppo forte, non sciacquando il bagno e rifiutandosi di andarsene. Nel momento in cui ti rendi conto che il signor o la signora Risentimento è un visitatore sgradito, si avrà probabilmente un po ‘ di lavoro da fare per districare questo fastidio!

Un altro rischio di aggrapparsi a vecchi risentimenti è che questo può influire sulle relazioni attuali o nuove. Potresti anche non essere consapevole di quanto il risentimento arrabbiato crei disagio nei tuoi cari. Il risentimento è quell’ombra malsana che ti segue, la parte di te che la tua famiglia, gli amici e i colleghi di lavoro si avvicinano. Piuttosto che esprimere le loro preoccupazioni circa il vostro rapporto con il risentimento, tranquillamente tirare indietro e lontano da interagire con voi, piuttosto che incitare la tua rabbia. Il risentimento è sornione in questo modo, e vi dirà che non hai bisogno di loro in ogni caso, ” Ora abbiamo qualcuno di nuovo da odiare!”Le conversazioni con risentimento spesso suonano come:

“È una bugiarda marcia, non la perdonerò mai!”

” È un bastardo traditore e non mi fiderò mai più.”

” La odio e vorrei che non esistesse. E ‘ morta per me e per me!”

” Come ha potuto fare questo alla nostra famiglia? Non lo perdonerò mai!”

” Chi se ne frega, non avevo bisogno di lei nella mia vita comunque.”

Messaggi come questo ripetuti nel tempo possono creare una falsa realtà interna. Ricorda, il tuo cervello sa solo ciò che il tuo cervello sa. E il risentimento sarà più che felice di partecipare a questo tipo di dialogo interno. Queste discussioni non ti tengono al sicuro…invece ti tengono bloccato.

Tuttavia, non possiamo avere una discussione sul risentimento senza una discussione su come rilasciare, guarire e andare avanti. Segnalibro Parte I di questa discussione per ora, e raccogliere questo domani.

Mentre ci separiamo per oggi, ti invito a condividere con me di seguito una sensazione che ti viene in mente, proprio in questo momento in cui rifletti sull’immagine e cito che ho incluso in questo articolo…

Gentilmente e in supporto,

Mari A. Lee, LMFT, CSAT-S

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.