“The Leftovers” Stagione 3 Episodio 5: Frasier il leone è reale?

(HBO)

Una grande parte della stagione Leftovers 3 Episodio 5 era un gruppo cult-like su una barca che celebra il discendente di Frasier il leone. Ma il leone era reale?

Potresti essere sorpreso di apprendere che la risposta è sì.

Nell’episodio, abbiamo appreso che un gruppo di leonesse ha rifiutato di accoppiarsi con qualsiasi leone. Poi un vecchio leone di nome Frasier era stato salvato e, sorpresa sorpresa, per qualche motivo tutte le leonesse si sarebbero accoppiate con lui e lui generò molti, molti leoni. Uno dei suoi discendenti era sulla barca con Matt, Laurie, John e Michael.

Risulta, il racconto su Frasier è in realtà vero.

Il tempo ha parlato di Frasier in un articolo del 2015 qui. Frasier era stato con un circo messicano e all’età di 19 anni (75 in anni umani) era probabile che morisse. Ma fu salvato dal Lion Country Safari a sud di Los Angeles, che lo acquistò dal circo nel 1970. Sembrava emaciato, sottopeso e debole quando fu salvato. Ma con una dieta equilibrata, ha assunto peso e le leonesse hanno iniziato a servirlo. Gli hanno portato piede scelta e non mangiare fino a quando ha fatto. Si accoppiarono con lui dopo aver rifiutato i leoni più giovani come compagni. Ha generato 33 cuccioli in 16 mesi.

Ecco una storia radiofonica su di lui dal 1972:

Frasier il Leone narrato da Jean Shepherd: 1972Frasier il Leone narrato dal commentatore radiofonico Jean Shepherd: Feb. 1972, WOR, New York City 2015-10-22T19: 02: 01.000Z

Il LA Times nel 2010 ha spiegato che è stato soprannominato “Frasier il leone sensuale” e T-shirt, adesivi e orologi sono stati venduti con il suo nome e somiglianza. I fan club sono stati fatti in suo onore e una scuola superiore ha ribattezzato le sue squadre i Frasier Lions. Una sceneggiatura cinematografica è stata persino scritta su una cospirazione per rubare la sua virilità per tutta la vita.

Frasier, purtroppo, morì di polmonite nel luglio 1972, dopo aver generato fino a 40 cuccioli. “Sento che si amava a morte”, indovinò un veterinario.

Come interessante nota a margine, il numero della rivista National Geographic che è stato centrale nella trama è del maggio 1972, lo stesso anno in cui Frasier generò tutti quei cuccioli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.