The Pursuit of Happiness Part 2: The Focusing Illusion

The Focusing Illusion bias and how it impacts our judgement of perceived life happiness and wellbeing.

Nella seconda parte della nostra continua esplorazione nella natura e nella sostanza della felicità, esploriamo ciò che lo psicologo cognitivo Daniel Kahneman ha chiamato L’Illusione di messa a fuoco. L’illusione di messa a fuoco suggerisce che queste cose che pensiamo e crediamo siano così importanti, lo sono solo perché stiamo pensando a loro. Siano essi percepiti bene o male, influenzano la nostra felicità nella misura in cui permettiamo. Ora al valore nominale, questo può sembrare assurdo. La gioia di sposarsi o il dolore associato al passaggio di una persona cara incombono nella nostra coscienza e sono importanti. Nondimeno, nel prossimo articolo esamineremo la scienza e il ragionamento che sta dietro questa apparente verità. Vedremo perché, sull’autovalutazione delle nostre vite, spesso non riusciamo a vedere il quadro più ampio.

Proliferare Pensiero alternativo

Diventa un membro Premium e aiuta a sostenere la scrittura indipendente, il pensiero, le opinioni alternative e una narrativa contro-mainstream sulla vita e sul lavoro.

Sostenere il mio lavoro

The Rise & Fall of Life Satisfaction

Mia moglie vuole una nuova auto–una Peugeot 3008. Lei è innamorata di esso, raggi di felicità quando parla della prospettiva di averlo. Abbiamo già un’auto di famiglia. Il modello precedente 2008, a parte alcuni urti e lividi, è in grande nic. Il chilometraggio è molto basso e funziona perfettamente. È di buone dimensioni, i sedili sono più alti fuori strada rispetto alle auto normali e non ha mai dato problemi. Tranne che per quel momento in cui “qualcuno” ha lasciato a corto di succo e poi appiattito la batteria cercando di avviarlo.

Non c’è una ragione pratica al mondo per cui dovremmo comprarlo. E inoltre, significa prendere un prestito per farlo. Come se le buone condizioni del nostro motore esistente non fossero sufficienti, acquistare il nuovo carro significa aggiungere un costo inutile alle nostre uscite mensili. Lo vuole comunque. Proprio come tutti gli altri, è convinta che la sua vita sarà migliore per avere questa cosa. Il mio lavoro è portare alla conversazione, l’inevitabile conseguenza di diminuire i ritorni emotivi.

Non mi escludo dall’impatto di questa afflizione; l’illusione che le nostre vite saranno migliori per l’avere delle cose, lo status e l’ammirazione degli altri. Probabilmente, è ciò che motiva e guida il comportamento umano. Ognuno di noi, per il nostro grado individuale e la scelta dell’oggetto d’amore, cade nel marketing intelligente. Crediamo che il futuro sarà migliore del presente o che le nostre vite siano migliori o peggiori di quanto non siano in realtà. Indipendentemente da ciò, questa illusione sembra coerente nella sua straordinaria capacità di deluderci.

L’illusione di messa a fuoco

E ‘ la sensazione che si ottiene quando si rinnova la vostra casa, comprare scarpe nuove, mangiare una tavoletta di cioccolato, o quando si trovano i soldi per la strada. Senti un aumento misurato del tuo stato di emozione positiva sia nella corsa fino al momento in cui lo hai in mano, sia nel periodo immediatamente successivo. Questi eventi positivi si distinguono per noi e, secondo il premio Nobel Daniel Kahneman nel suo libro Thinking Fast & Slow1, influenzano la nostra percezione della felicità soggettiva. Non solo questo, ma offuscano la nostra capacità di misurare le nostre vite con precisione.

Nel capitolo conclusivo del suo libro, Kahneman cita uno studio del gruppo socio-economico tedesco 2, in cui i partecipanti sono stati interrogati sulla loro soddisfazione per la vita in un dato periodo di anni. Tra le domande poste dai ricercatori c’erano quelle relative ai principali eventi della vita, come il matrimonio, nell’anno precedente.

Matrimonio& Soddisfazione di vita

I seguenti grafici illustrano i sentimenti degli intervistati di sesso maschile e femminile sulla vita riportati negli anni vicini a quando si sono sposati.

Studio del gruppo socio-economico tedesco Clark, A. E., Diener, E., Georgellis, Y., Lucas, R. E. (2008). Ritardi e lead nella soddisfazione della vita: un test dell'ipotesi di base. The Economic Journal-Life Satisfaction graph The Focusing Illusion
Le femmine hanno riportato la soddisfazione della vita
Studio del gruppo socio-economico tedesco Clark, A. E., Diener, E., Georgellis, Y., Lucas, R. E. (2008). Ritardi e lead nella soddisfazione della vita: un test dell'ipotesi di base. The Economic Journal-Life Satisfaction graph Maschi L'illusione di messa a fuoco
I maschi hanno riportato la soddisfazione della vita

Possiamo vedere dai grafici sopra che la soddisfazione della vita riportata aumenta fino al bel giorno, ma poi diminuisce negli anni successivi. L’apparente novità sembra svanire mentre la realtà della vita e tutte le sue sfide prendono piede. Kahneman suggerisce che forse ci sposiamo nella speranza che il futuro sarà migliore di oggi, o che possiamo mantenere lo status quo beato. Cita la ricerca di Daniel Gilbert e Timothy Wilson e chiede se siamo diventati vittime del “massiccio errore” della previsione affettiva3 che spiega l’errore nel prevedere i nostri sentimenti futuri sulla vita.

Ad esempio, vogliamo essere in grado di prevedere se ci sposeremo e avremo figli, perché crediamo che questi eventi della vita siano determinanti cruciali della felicità. Sui risultati dello studio matrimonio, Kahneman dice che il giorno una coppia si sposano, essi possono sapere che i tassi di divorzio e separazione sono alti, ma non si applicano questo applicare questo a se stessi. Egli dice che possiamo, naturalmente, spiegare questi dati come rappresentano un normale adattamento alla vita.

Ma Kahneman dice che dobbiamo invece esaminare “l’euristica del giudizio”. Oppure, come si arriva a risposte a domande come; ” Quanto sei soddisfatto della tua vita? e ” Quanto sei felice in questi giorni?”Dice che queste domande non sono così semplici come quelle come” qual è il tuo numero di telefono?”ma gli intervistati spesso arrivano a risposte a tutte queste domande in pochi secondi. Kahneman dice che le persone tendono ad avere risposte già pronte, o risposte che gli eventi recenti ci influenzano. Dice che questo rappresenta il sistema ad azione rapida 1 che salta in marcia con poco controllo cosciente o deliberazione da parte nostra.

L’illusione di messa a fuoco: prendi la felicità con un pizzico di sale

Qualsiasi apparente singolo evento o serie di eventi può influenzare la nostra percezione della soddisfazione e della felicità della vita. Sono i risultati percepiti di ciò che Kahneman chiama l’Illusione di messa a fuoco. Più spesso, dice, non siamo nemmeno consapevoli che le nostre menti hanno preso il sopravvento. Il sistema 1 sostituisce le nostre interpretazioni di eventi di vita più semplici per valutazioni globali della vita. Un’illustrazione di questo viene da uno studio di Norbert Schwarz nel suo esame del 1988 di priming e comunicazione4.

Schwarz e colleghi hanno condotto esperimenti che hanno esaminato il modo in cui le persone usano le informazioni quando emettono giudizi globali. In particolare, hanno esplorato il modo in cui una domanda su una componente specifica della soddisfazione della vita ha influenzato un successivo giudizio sulla soddisfazione generale della vita. Prima di compilare il questionario, ai partecipanti è stato chiesto di fotocopiare un documento come favore. Percependolo non fa parte dello studio, hanno obbligato. La metà dei partecipanti ha trovato monete sulla fotocopiatrice piantata da Schwarz, e successivamente i risultati hanno mostrato che i fortunati erano più alti sulla soddisfazione della vita.

Naturalmente, eventi casuali di fortuna buona o cattiva non sono le uniche influenze sulla nostra percezione della felicità della vita globale. La storia recente, come mostrato nei dati di matrimonio di cui sopra, tragedie di vita, salute, successo di carriera, circostanze familiari e finanziarie, influenze di gruppo tra pari e gli eventi globali tutti portano pesante sulla nostra percezione della felicità. Tuttavia, Kahneman avverte che la nostra valutazione della felicità generale probabilmente si riduce a un piccolo campione di concetti disponibili piuttosto che a una valutazione misurata. Pertanto, potremmo essere meglio serviti prendendo queste valutazioni istantanee con, come suggerisce, un pizzico di sale.

Anche novelli sposi che sono di fortuna abbastanza per godere di uno stato di felice preoccupazione per il loro amore finirà per tornare sulla terra, e la loro esperienza di benessere di nuovo dipende, come per il resto di noi, l’ambiente e le attività del momento presente

Daniel Kahneman | Psicologo Cognitivo

Attenzione: La chiave della felicità

Secondo Kahneman, l’attenzione è la chiave per la questione della felicità della vita e suggerisce che sono gli eventi di ora che contano davvero. Quando consideriamo la nostra felicità per la vita, siamo tenuti a essere influenzati dagli eventi recenti, e i grafici del matrimonio rafforzano questa idea. Gli studi di Kahneman hanno dimostrato che misurando la velocità delle risposte dei partecipanti, la valutazione considerata della felicità della vita è generalmente assente.

Quando si tratta dell’illusione di messa a fuoco, nulla nella vita è così importante come pensi che sia quando ci stai pensando, dice Kahneman. La base dell’illusione di messa a fuoco, continua, è “ciò che vedi è tutto ciò che c’è”. Oppure, stai dando troppo peso a un singolo fattore come determinante del benessere e della felicità.

Quindi qual è la linea di fondo?

Sembra un modo rotondo di dire, se vuoi la felicità, scendi dalla tua testa e entra nel momento presente. Mi sembra che in tutte le indagini psicologiche, arriviamo alla stessa risposta inevitabile. Cioè, la felicità è disponibile ora. Mentre permettiamo alle nostre menti di andare alla deriva verso fantasiose nozioni del futuro, togliamo gli occhi da terra e perdiamo i buchi nella strada. Lo stesso vale per lamentare il passato-non riusciamo ad essere presenti.

Dove è impostata la nostra attenzione? A cosa stiamo dando la nostra attenzione e il nostro tempo?

Sembriamo per sempre bisognosi di fuggire dall’unico momento in cui si verifica la vita. La macchina mi renderà felice, o la moglie o il marito. Il nuovo lavoro mi renderà felice, la TV o i film o qualche gadget o altro. Nuove labbra o nuove tette, una confezione da sei dura come la roccia o la pelle bronzata. Qualunque cosa sia che mi renderà felice, soddisfatta e intera, non è qui. E ‘da qualche parte la’ fuori.

Quindi continuiamo a cercare, nel frattempo creando grandi illusioni per tenerci lontani da noi stessi.

Ti piace leggere questo articolo?

Ogni settimana creo nuovi contenuti, sulla vita, sul lavoro e sulla ricerca della felicità. Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti a Sunday Letters gratuitamente.

Riferimenti articolo

  1. Kahneman, D. (2011). Pensare, veloce e lento. Macmillan.
  2. Clark, A. E., Diener, E., Georgellis, Y., & Lucas, R. E. (2008). Ritardi e lead nella soddisfazione della vita: un test dell’ipotesi di base. Il giornale economico, 118 (529), F222-F243.
  3. Wilson, T. D., & Gilbert, D. T. (2003). Previsione affettiva.
  4. Strack, F., Martin, L. L., & Schwarz, N. (1988). Priming e comunicazione: determinanti sociali dell’uso delle informazioni nei giudizi sulla soddisfazione della vita. European journal of social psychology, 18(5), 429-442.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.